Notizie

COMUNICATO STAMPA DELL’ORDINE DEI GEOLOGI DELLA SARDEGNA SULLA COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ PREVISTA ALL’ ART. 7 DELLA L.R. N° 8/2018

L’Ordine dei Geologi della Sardegna esprime la più ferma contrarietà alla costituzione della società di progettazione in house “Opere e Infrastrutture della Sardegna srl” allo scopo di velocizzare la realizzazione di interventi e opere pubbliche ritenute strategiche

L’Ordine dei Geologi della Sardegna esprime la più ferma contrarietà alla costituzione della società di progettazione in house “Opere e Infrastrutture della Sardegna srl” allo scopo di velocizzare la realizzazione di interventi e opere pubbliche ritenute strategiche.

Tale provvedimento sembra partire dal presupposto, a nostro avviso sbagliato, che la dilatazione dei tempi necessari alla realizzazione di un'opera siano da attribuire alle fasi che riguardano più propriamente la stesura dei progetti. E' oramai assodato, invece, come qualità, efficacia e trasparenza dei progetti possano essere garantite solamente da selezioni pubbliche nelle quali l'efficacia della proposta tecnica prevalga sulle considerazioni meramente economiche in un quadro d'approccio multidisciplinare alla risoluzione delle diverse problematiche. E ciò è tanto più vero quando si parla di progetti relativi alla prevenzione dal rischio idrogeologico sul quale sembra, ancora una volta, che i geologi siano chiamati a dire la loro, nella migliore delle ipotesi, solo dopo l'avvenuta calamità.

Si ritiene, quindi, che tale provvedimento vada nella direzione diametralmente opposta rispetto alla necessità di ovviare alle lungaggini insite nell'eccessiva burocrazia che attanaglia gli uffici pubblici. Su questi, più propriamente, si dovrebbe concentrare lo sforzo legislativo con un rafforzamento delle pubbliche amministrazioni utile a rispondere più celermente, in coerenza con i contenuti del Codice degli Appalti, alle questioni che riguardano la vigilanza ed il
controllo.

Quanto sopra non può che portarci a contestare fermamente contenuti e modalità della proposta, figlia di un atteggiamento autoreferenziale e lontano da dare risposte alle istanze già avanzate tese ad attuare una attività di cura del territorio fondata su una solida cultura geologica.